FacebookPixel
Le notizie più importanti del settore immobiliare
Ritorno \ ISOLA DI MADEIRA - 600 anni di storia

ISOLA DI MADEIRA - 600 anni di storia

14 ott 2019
ISOLA DI MADEIRA - 600 anni di storia
1418, è l´anno designato come l´anno della scoperta dell´Isola di Porto Santo, una circostanza che si è verificata dopo una tempesta in alto mare che ha deviato una barca che stava seguendo la costa africana. Un anno dopo, nel 1419, fu avvistato un altro pezzo di terra, che si chiamava Madera, a causa dell´abbondanza di questa materia prima.
600 anni dalla scoperta dell´arcipelago di Madeira
 
Scoperta
 
 
"Abbiamo superato la grande isola di Madeira,
Quale dei tanti boschetti si chiama;
Di cui abbiamo popolato il primo,
Più famoso per nome che per fama.
Ma non perché il mondo è l´ultimo,
Quante Venere ami?
Prima, questo essendo tuo, aveva dimenticato,
Da Cypro, Guido, Paphos e Cythera. "
 
 
"Le Lusiadas", Luis de Camões
 
 
1418, è l´anno designato come l´anno della scoperta dell´Isola di Porto Santo, una circostanza verificatasi dopo una tempesta in mare che deviava una barca che stava seguendo la costa africana. Gonçalves Zarco e il suo equipaggio furono salvati da questo piccolo pezzo di terra che chiamarono Porto Santo.
 
Un anno dopo, nel 1419, fu avvistato un altro pezzo di terra, che si chiamava Madera, a causa dell´abbondanza di questa materia prima.
 
Gonçalves Zarco, Tristao Vaz Teixeira e Bartolomeu Perestrelo sono i tre navigatori che sono arrivati ​​qui e sono rimasti qui, ognuno con il suo capitano. Porto Santo a Bartolomeu Perestrelo, Machico a Tristao Vaz Teixeira e Funchal a Gonçalves Zarco, qualche anno dopo, nel 1440, dopo l´inizio del Ciclo della Popolazione, nel 1425, per ordine di D. João I.
L´insediamento
 
I tre capitani e le famiglie di dame iniziarono l´insediamento delle isole di Madeira e Porto Santo, un processo graduale che coinvolgeva persone da tutto il regno. Dall´Algarve, alcuni dei principali coloni se ne andarono, con importanti funzioni nell´implementazione delle basi del sistema dei proprietari. Possiamo anche menzionare in questo processo il nord del Portogallo, ovvero la regione di Entre Douro e Minho, origine di coloro che sono intervenuti in modo specifico nell´organizzazione dello spazio agricolo.
 
Dall´Algarve, dalle città di Tavira, Lagos, Silves, Aljezur e Sagres, ci sono anche diverse persone che viaggiano verso le nuove isole del Regno. Servi, scudieri, cavalieri e nobili furono elencati per segnare l´inizio dell´insediamento, che si espanse rapidamente geograficamente ad altre aree, come Santa Cruz, Camara de Lobos, Ribeira Brava, Ponta do Sol e Calheta.
 
Ciclo Di Cereali
 
Fino agli anni settanta del XV secolo, il paesaggio agricolo era dominato da campi di grano. La coltivazione di cereali dominava l´economia di Madeira, generando grandi eccedenze da cui venivano riforniti i porti del regno, le piazze africane e la costa della Guinea.
 
Tutto ciò è stato il risultato dell´alta fertilità del suolo causata dalla combustione per far posto alle prime aree di coltivazione. Secondo alcuni documenti risalenti agli inizi del XV secolo, fu raccolto un raccolto di tremila moios (unità di misura equivalente a 60 bushel), che superava il 65% del fabbisogno della popolazione locale.
 
Mille Moios erano destinati a rifornire le fabbriche della costa africana.
 
Tuttavia, dagli anni ´60 in poi, l´introduzione e la diffusione della coltivazione della canna da zucchero hanno portato a un calo significativo della coltivazione di cereali, che ha portato a una produzione in deficit dal 1466, che ha gravemente compromesso gli impegni di approvvigionamento delle piazze e delle fabbriche africane. Da allora, è diventato necessario importare gran parte del grano consumato.
 
Nel 1479, il raccolto fu solo per quattro mesi, a seconda della sua fornitura ai rimanenti cereali importati dalle Azzorre e dalle Isole Canarie.
Ciclo dello zucchero
 
Nel XV secolo, Madeira inizia un nuovo ciclo economico. The Sugar Cycle, noto anche come Ouro Branco.
 
Importata dalla Sicilia, la canna da zucchero trasforma rapidamente completamente il paesaggio, diventando una fonte di reddito per eccellenza che attrae essenzialmente commercianti da varie parti d´Europa. La città di Funchal diventa il centro del mondo e la canna da zucchero è il motore principale dell´economia di Madeira.
Nel 1472, lo zucchero di Madeira iniziò ad essere esportato direttamente nelle Fiandre, diventando il principale centro di distribuzione, facendo dell´isola di Madeira riconosciuta come un importante asse nelle relazioni economiche tra il Portogallo e le Fiandre.
 
La produzione di canna da zucchero ha attratto e stabilito avventurieri e commercianti provenienti da contesti diversi, in particolare italiani, baschi, catalani e fiamminghi.
Il commercio di zucchero a Madeira raggiunse il culmine negli anni ´20, in coincidenza con il business dell´arte fiamminga e in coincidenza con la datazione della maggior parte dell´arte fiamminga sull´isola, dimostrando la prosperità commerciale che era nota. Furono importate opere di proporzioni gigantesche, principalmente dipinti, apparati trittici o pale d´altare miste, così come grandi immagini di Bruges, Anversa e Malines. Furono anche importati oggetti d´argento e di rame e pietre tombali intarsiate di metallo delle Fiandre e dell´Hainaut, come quelli attualmente visti nella cattedrale di Funchal e in musei come l´arte sacra.

Fino alla prima metà del XVI secolo, Madeira era uno dei principali mercati dello zucchero nell´Atlantico, tuttavia, questo ciclo terminò, con la canna da zucchero commercializzata in altri mercati. Un altro ciclo è diventato il protagonista.
Ciclo del vino
 
La regina della canna da zucchero ha lasciato il posto al re, vino, liquore, famoso e apprezzato nei quattro angoli del mondo. Perfino William Shakespeare, a metà del XVI secolo, ha messo in evidenza nella sua opera teatrale "Ricardo III" la crescente notorietà del vino Madeira, mettendo in evidenza la Malvasia in un dramma in cui il duca di Clarence, fratello del re Edoardo IV d´Inghilterra, annega in una vasca di Vino di Madeira.
 
Il vigneto Malvasia fu creato dai sacerdoti gesuiti dopo il grande saccheggio del corsaro del 1566.
 
Il declino della produzione di zucchero alla fine del XVI secolo costrinse a reinventare la produzione agricola e il paesaggio fu occupato dai vigneti. Inizia così un nuovo ciclo economico sull´isola di Madeira, che ancora una volta ha progettato questa piccola isola a livello internazionale, crescendo accanto alla produzione di vino una nuova classe sociale, la borghesia.
 
Con questo nuovo ciclo, furono aperti nuovi mercati, in particolare quello inglese, e con essi la fissazione sull´isola del bosco di importanti commercianti inglesi che iniziarono gradualmente a controllare questa produzione. Era già il diciassettesimo secolo e nuovi orizzonti e mercati furono aperti e consolidati alla transazione di questo nettare degli dei, vale a dire il Nord America e le Antille. Nel diciassettesimo e diciottesimo secolo, Funchal si trasferì da Sugar City a Wine City.
 
Il diciannovesimo secolo ha portato con sé due gravi epidemie che hanno attaccato le viti causando perdite sostanziali. Al fine di aggirare questa situazione e garantirne il mantenimento nel mercato internazionale, i viticoltori hanno deciso di piantare vitigni più resistenti ma di qualità inferiore.
 
Era necessario reinventarsi di nuovo ...
 
Ciclo del turismo
 
Nel diciannovesimo secolo, i visitatori dell´isola si distinguevano per pazienti, viaggiatori, turisti e scienziati. La maggior parte dei visitatori apparteneva alla ricca aristocrazia europea, vale a dire principi, principesse e monarchi che trovarono nell´isola di Madeira, un porto essenzialmente terapeutico.
 
Tuttavia, alcune delle caratteristiche uniche di quest´isola hanno attirato l´attenzione di coloro che ci hanno visitato, vale a dire le passeggiate, l´equitazione e l´amaca, che ha permesso di esplorare oltre i limiti della città, con l´interno ricercato dai visitatori. Fu quindi necessario creare una serie di infrastrutture per supportare coloro che si trasferirono nell´entroterra, questo negli anni quaranta del diciannovesimo secolo. Ma fu solo nel 1887 che fu istituita una rete adeguata di locande fuori Funchal. Questo fatto non si scontrò con le strutture esistenti a sud, vale a dire case e fattorie.
 
Fu proprio in quel momento che la prima guida turistica, risalente al 1850, sembrò supportare visitatori e turisti. Questa guida ha messo in luce l´isola da un punto di vista storico e geologico, oltre a evidenziare la flora, la fauna e le usanze.
 
Gli inglesi e i tedeschi furono i primi a gettare le basi per la costruzione della catena alberghiera di Madeira.
 
Fonte: 600 anni di Madeira

Vedi Anche